qualc’osa

di boxundici

 

Winogrand_New-York_1954_Black-Dog-Collection

 

Qualcosa, sempre, se ne va. Sempre. Forse perché allargo troppo le dita. Forse, i pensieri diventano afa. Le ringhiere si sgretolano. Un uscio s’apre. Le caviglie vanno da sé. Qualcosa come un bisbiglio, un trasparente traguardo muore di limpidezza. È la vecchiaia, mi dico. È il fiele ch’era miele, mi suggerisce una tempia. L’altra finge un’autorevole allegria. S’appunta lo spazio d’un fiore. La sua non dipartita. E batte. Leggera sbatte. E vita mantiene. Vicinanza quotidiana. Ché ha da passà ‘a nuttata. ‘A iurnata. ‘ A settimana.

 

@ Garry Winogrand

Annunci